martedì 15 settembre 2015

Il Benessere del Corpo attraverso l'Equilibrio dello Spirito - Laboratorio di Tai Chi Chuan e Qi Gong




Se avete voglia venerdì 2 ottobre alle ore 19.30 potete venire presso il Teatro Civico 14 Vicolo della Ratta 14 Caserta per partecipare alla lezione di prova del laboratorio: il Benessere del Corpo attraverso l’Equilibrio dello Spirito - Corso di Tai Chi Chuan e Qi Gong.  Il laboratorio è tenuto dall’Associazione Artemisia in collaborazione con il Teatro Civico 14 ed è arrivato alla sua settima edizione. Se deciderete di partecipare alla lezione non vi promettiamo elevazioni spirituali, visioni mistiche, lettura della mente altrui, risoluzione di tutti i vostri problemi…. Però vi possiamo promettere sorrisi, amore in ogni gesto che compiamo, disponibilità e desiderio di trasmettere un patrimonio terapeutico che risale alla notte dei tempi… Vi promettiamo di iniziare insieme una ricerca che porta alla conoscenza del corpo prima ed alla sua consapevolezza dopo... possiamo promettervi di  intraprendere insieme un viaggio dentro noi stessi, nelle nostre emozioni e nella capacità di gestione delle stesse, di modo da mantenere l’equilibrio dinamico che consente il mantenimento e/o il raggiungimento del benessere...
Non vi possiamo promettere mari e monti e nemmeno la luna, ma possiamo decidere in maniera consapevole di camminare insieme nel qui ed ora, per un momento, breve o lungo che sia, e di scambiare e scambiarci esperienze che nella loro semplicità possano creare ricchezza interiore ed un bagaglio emotivo che ci possa accompagnare per un lungo tempo…. Possiamo promettervi l’armonia aggraziata dei movimenti del Tai Chi Chuan, simili ad una danza, ma che conservano un sapere profondo, che risale alla notte dei tempi e che ancora oggi è bagaglio esperienziale di benessere e salute.
Secondo il Tai Chi Chuan tutti i fenomeni sono formati da opposti: la contraddizione è presente in tutte le cose, senza gli opposti le cose che esistono sulla terra sarebbero indistinguibili, la vita sarebbe informe, confusa. In Oriente si dice che un estremo genera il suo opposto.
Ogni essere umano è unità di corpo, mente e spirito: non c’è separazione tra queste caratteristiche. Il corpo non potrebbe esistere senza la mente e l’anima e, allo stesso modo, né la mente e l’anima avrebbero senso senza corpo. L’intero può essere visto in ciascuna delle sue parti costitutive: in ogni singola parte del corpo possiamo ritrovare il funzionamento del corpo nella sua globalità
L’energia scorre in tutto il corpo attraverso canali perfettamente organizzati, detti meridiani: questi meridiani formano dei veri e propri fiumi di energia che circola dalla testa ai piedi, creando una rete di collegamento fra ogni cellula e organo e tutte le parti del corpo.
Nella diagnosi orientale il corpo viene visto come un’orchestra in cui la musica è l’anima. Se si elimina uno strumento qualsiasi o si cambia il modo di suonarlo, la musica nel suo insieme ne risulterà modificata” (cit. Maestro Valerio Giordano). Per cui nel corpo ogni organo viene considerato in rapporto a tutti gli altri. La salute di un singolo organo dipende dal corretto e sano funzionamento di tutti gli altri. Secondo la concezione orientale il corpo è un circuito continuamente percorso da un flusso energetico, che è forza vitale. 
In Oriente parlare del corpo separandolo dall’energia vitale, o spirito, può facilmente indurre a sbagliare poiché il corpo umano non è altro che la manifestazione dello spirito. Secondo la diagnosi orientale la salute fisica è strettamente legata a quella mentale e alla psicologia dell’individuo ed ogni emozione è collegata ad un organo specifico. In Oriente si cerca di lavorare con l’energia autoguaritrice che ogni essere umano ha a disposizione. 
Attraverso lo studio del Tai Chi Chuan e il Qi Gong il praticante impara a diventare medico di se stesso, impara a conoscere i propri pregi, limiti, punti deboli e soprattutto impara a prendersi la responsabilità della propria salute e della propria vita. Nessun può farlo per altri. Il soggetto apprende che la salute è un bene prezioso, ed è lui in prima persona che deve imparare a rispettarlo, a rispettare se stesso attraverso la pratica costante di piccoli gesti quotidiani. Il cambiamento avviene lentamente, giorno per giorno, ben radicato nel cuore e nella mente. Il nostro corpo conosce già ciò di cui ha bisogno: dobbiamo solo imparare ad ascoltarlo con il cuore ed imparare a mettere in ogni gesto quotidiano l’amore, ciò che più di ogni altra cosa ci nutre. Questo diventa uno stile di vita che presuppone una pratica quotidiana, un percorso verso il “volersi bene”.

Se deciderete di varcare la soglia del Teatro Civico 14 venerdì 2 ottobre vi promettiamo che faremo del nostro meglio per trasmettervi con Amore tutto questo...

Per info e prenotazioni
Associazione Artemisia 3495848337                                               
artemisiaassociazione@gmail.com

Teatro Civico 14 0823441399
info@teatrocivico14.it



Nessun commento:

Posta un commento